Vai a sottomenu e altri contenuti

Emergenza COVID-19 D.L. n.33 del 16/05/2020

Data pubblicazione on line: 17/05/2020

EMERGENZA COVID19 - Nuovo Decreto Legge

Dal 18 maggio al 31 luglio 2020, cosa cambia con la nuova Legge quadro che stabilisce le nuove regole per la ripartenza nelle Regioni.

Ecco alcuni punti:

SPOSTAMENTI

➡️ A partire dal 18 maggio 2020, gli spostamenti delle persone all'interno del territorio della stessa regione non saranno soggetti ad alcuna limitazione.
➡️ Fino al 2 giugno 2020 restano vietati gli spostamenti, con mezzi di trasporto pubblici e privati, in una regione diversa rispetto a quella in cui attualmente ci si trova, così come quelli da e per l'estero, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza o per motivi di salute; resta in ogni caso consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.
➡️ A decorrere dal 3 giugno 2020, gli spostamenti tra regioni diverse potranno essere limitati solo con provvedimenti statali.
➡️ È confermato il divieto di mobilità dalla propria abitazione o dimora per le persone sottoposte alla misura della quarantena.

RISTORANTI E BAR

➡️ I locali potranno riaprire rispettando la distanza di 1 metro tra i clienti.
➡️ Mascherina obbligatoria per il personale e per i clienti, quando non siedono al tavolo a consumare.
➡️ Viene suggerito di privilegiare la prenotazione e il servizio all'esterno, favorire il ricambio d'aria, e di escludere la funzione di ricircolo dell'aria per i condizionatori.

STABILIMENTI E SPIAGGE

➡️ La distanza minima che le persone dovranno rispettare è sempre di almeno un metro, anche in spiaggia.
➡️ Gli ombrelloni negli stabilimenti balneari saranno disposti ogni tre metri l'uno dall'altro, in modo da avere intorno a se circa 10 metri quadri di spazio. Gli stabilimenti balneari dovranno farsi carico di disinfettare lettini e sdraio a ogni cambio di persona e a fine giornata.
➡️ Si potrà fare il bagno, nuotare, fare surf e giocare a racchette. Più complicato sarà fare una partita a beach volley.
➡️ Per quanto riguarda le SPIAGGE LIBERE, la responsabilità del rispetto delle regole sarà individuale anche se potrebbe esserci del personale a sorvegliare la situazione.

PARRUCCHIERI, BARBIERI ED ESTETISTI

➡️ Obbligatorio l'uso di mascherine senza valvola e visiere protettive per gli estetisti.
➡️ Vietati l'uso di sauna, bagno turco e idromassaggio.
➡️ Non sarà possibile trattenersi nei locali oltre il tempo necessario al servizio.

NEGOZI DI ABBIGLIAMENTO

➡️ Anche per i negozi di abbigliamento vale la regola di un metro di distanza e dell'obbligo di indossare la mascherina.
➡️ Tutti i clienti all'ingresso dovranno indossare dei guanti per toccare i vestiti che si intende toccare o provare.

PALESTRE

➡️ Si dilata la distanza interpersonale che bisogna rispettare nelle palestre durante l'attività fisica: almeno 2 metri.
➡️ Il personale dovrà fare attenzione a mantenere gli spazi ben areati e puliti.

PISCINE

➡️ Per le piscine è previsto il distanziamento di un metro, con particolare attenzione agli spogliatoi: indumenti ed effetti personali vanno tenuti chiusi in borsa.
➡️ Lettini, sdraio, ombrelloni regolarmente disinfettata a ogni cambio turno e a fine giornata.
➡️ Per le zone solarium e in acqua è prevista un'area di 7 metri quadrati a persona.
➡️ Le norme si riferiscono alle piscine pubbliche, a quelle aperte al pubblico, a quelle inserite in agriturismi e campeggi e ai parchi acquatici.

ALBERGHI E AGRITURISMI

➡️ Per alberghi e agriturismi la questione più importante sarà la ventilazione e l'areazione: quindi il personale dovrà preoccuparsi di garantire periodicamente l'aerazione naturale, aumentare la manutenzione e sostituzione dei filtri, cambiare l'aria da un'ora prima a un'ora dopo l'accesso del pubblico.
➡️ Nelle aree in cui è prevista meno ventilazione, sarà sconsigliata la sosta, come per i corridoi e ascensori. Resta obbligatoria anche qui la mascherina.

SANZIONI
L'apparato sanzionatorio per la violazione dei protocolli e linee guida è così articolato:

  • per chi non rispetta i protocolli / linee guida regionali o nazionali, e quindi non garantirà adeguati livelli di protezione, è prevista la sospensione dell'attività economica o produttiva fino al ripristino delle condizioni di sicurezza;
  • chi viola le disposizioni del decreto-legge, o dei decreti e ordinanze attuative, incorrerà nella sanzione amministrativa pecuniaria da 400 a 3.000 euro, aumentata fino a un terzo se la violazione è commessa con l'utilizzo di un veicolo;
  • se la violazione è commessa nell'esercizio di un'attività di impresa, è prevista anche la sanzione amministrativa accessoria della chiusura dell'esercizio o dell'attività da 5 a 30 giorni; se necessario per impedire la prosecuzione o la reiterazione della violazione,
  • può essere ordinata la chiusura provvisoria dell'attività o dell'esercizio fino a 5 giorni, eventualmente scomputabili dalla sanzione;
    in caso di reiterazione della stessa violazione la sanzione amministrativa è raddoppiata e quella accessoria è applicata nella misura massima.

N.B.
Le attività di ristorazione e servizi alla persona, nonché tutte quelle previste dalla normativa vigente, dovranno seguire le linee guida dell'INAIL per garantire l'applicazione dei protocolli di sicurezza.

Si raccomanda la collaborazione di tutti nel rispetto delle regole, per evitare in futuro, un nuovo periodo di restrizioni.

http://www.governo.it/…/comunicato-stampa-del-consigl…/14610

Emergèntzia COVID-19 D.L. n.33 de su 16/05/2020

EMERGÈNTZIA COVID19 - Decretu Lege Nou

Dae su 18 de maju a su 31 de trìulas 2020, ite mudat cun sa Lege cuadru noa chi istabilesset sas règulas pro torrare a incumentzare in sas Regiones.

ISPOSTAMENTOS

➡Dae su 18 de maju 2020, sos ispostamentos de sas persones a intro de su territòriu de sa matessi regione non ant ant a tènnere peruna limitatzione.

➡Fintzas a su 2 de làmpadas 2020 abarrant proibidos sos ispostamentos, cun mezos de trasportu pùblicos e privados, in un'àtera regione chi no est cussa in ue como unu est, gasi comente sos ispostamentos dae e pro s'èsteru, francu pro documentadas esigèntzias de traballu, de urgèntzia assoluta o pro motivos de salude; est permìtidu de torrare a su domitzìliu pròpiu, domo o residèntzia.

➡Dae su 3 de làmpadas 2020, sos ispostamentos dae una regione a s'àtera ant a èssere limitados ebbia cun provedimentos istatales.

➡Est cunfirmada sa proibitzione de mobilidade dae s'abitatzione o dimora pròpia pro sas persones chi depent fàghere sa barantena.

RISTORANTES E BAR

➡Sos locales ant a pòdere torrare a abèrrere rispetende sa distàntzia de 1 metru tra sos clientes.
➡Mascarredda obligatòria pro su personale e pro sos clientes, cando non sunt sètzidos in sa mesa pro consumare.

➡ Est mègius a si prenotare e fàghere servìtziu in foras de sos locales, favorèssere de mudare s'àera e de no impreare su retziclu de s'àera pro sos cundizionadores.

ISTABILIMENTOS E ISPIÀGIAS

➡Sa distàntzia mìnima chi sas persones depent respetare est semper de a su nessi unu metru, fintzas in s'ispiàgia.
➡Sos ombrellones in sos istabilimentos de mare ant a èssere postos a tres metros s'unu dae s'àteru, gasi, prus o mancu, a inghìriu bi sunt prus o mancu 10 metros cuadros de logu. Est in càrrigu de sos istabilimentos de mare disinfetare letinos e isdràias ogni borta chi càmbiant sas persones e cando si acabbat ogni die.

➡At a pòdere intrare a modde, nadare, fàghere surf e giogare cun sas rachetas. Prus difìtzile at a èssere giogare a beach volley.

➡In sas ISPIÀGIAS LÌBERAS, sa responsabilidade de s'osservàntzia de sas règulas at a èssere individuale fintzas si bi diat pòdere èssere personale pro controllare.

PARRUCHIERIS, BARBIERIS E ESTETISTAS

➡ Obligatòriu s'impreu de mascaredda sentza vàlvola e visieras de protetzione pro sos estetistas.
➡Proibidos sa sàuna, bagnu turcu e idromassàgiu.
➡Non si podet abarrare in sos locales in prus de su tempus chi est netzessàriu pro su servìtziu.

BUTEGAS DE BESTIMENTA

➡Fintzas in sas butegas de bestimenta balet sa règula de unu metru de distàntzia e s'òbligu de portare sa mascaredda.

➡Cando intrant, totus si depent pònnere sos guantes pro tocare sos bestires e ddos pòdere provare.

PALESTRAS

➡Creschet sa distàntzia interpersonale chi tocat a rispetare in sas palestras cando si faghet atividade fìsica: a su nessi 2 metros.

➡Su personale at a dèpere dare atentu a mantènnere sos ambientes pulidos e aerados bene.

PISCINAS

➡Pro sas piscinas est prevididu sa distàntzia de unu metru, cun atentzione manna pro sos ispogliatòios: indumentos e cosas personales depent abarrare a intro de bursas.

➡Letinos, isdràias, ombrellones disinfetados a manera regulare ogni borta chi càmbiat su turnu e cando si acabbat ogni die.

➡Pro sos giasso solarium e in s'abba est previdida un'àrea de 7 metros cuadros a persone.
➡Sas normas pertocant sas piscinas pùblicas, cussas abertas a su pùblicu, cussas chi sunt in agriturismos e campègios e sos parcos acuàticos.

ALBERGOS E AGRITURISMOS

➡Pro sos albergos e sos agriturismos sa cosa prus de importu at a èssere sa ventilatzione e s'aeratzione: duncas su personale at a dèpere assegurare a manera regulare de aerare a manera naturale, fàghere prus manutentzione e sostituire sos filtros, cambiare s'àera dae un'ora in antis a un'ora a pustis de s'intrada de su pùblicu.

➡In sas àreas in ue est previdida prus pagu ventilatzione, comente in sos passaditzos e ascensores, no est cussigiadu a si firmare. Abarrat s'òbligu de pònnere sa mascaredda fintzas in custos ambientes.

SANTZIONES
Sas santziones pro no àere rispetadu sos protocollos e sos inditos ghia sunt organizados gasi:

§ pro chie non rispetat sos protocollos / inditos ghia regionales o natzionales, e duncas no at a garantire sa protetzione adeguada, est previdida la suspensione de s'atividade econòmica o produtiva fintzas a chi no ant a tènnere torra sas cunditziones de seguresa;

§ chie non rispetat sos disponimentos de su decretu-lege, o de sos decretos e ordinàntzias atuativas, incurret in sa santzione amministrativa pecuniària dae 400 a 3.000 èuros, aumentada fintzas a unu tertzu si sa violatzione est fata cun s'impreu de unu veìculu;

§ si sa violatzione est cummìtida in s'esertzìtziu de un'atividade de impresa, est previdida fintzas sa santzione amministrativa atzessòria de sa serrada de s'esertzìtziu o de s'atividade dae 5 a 30 dies; si est netzessàriu pro impedire chi sigat o si repitat sa violatzione,

§ podet èssere ordinada sa serrada provisòria de s'atividade o de s'esertzìtziu fintzas a 5 dies, chi in casu si podent iscontare dae sa santzione;

§ in casu si torret a repìtere sa matessi violatzione sa santzione amministrativa est addopiada e cussa atzessòria est aplicada in sa mesura màssima.

N.B.
Sas atividades de ristoratzione e servìtzios a sa persone, e totu cussas prevididas dae sa normativa vigente, ant a dèpere sighire sos inditos ghia de s'INAIL pro garantire s'aplicatzione de sos protocollos de seguresa.

Si racumandat sa collaboratzione de totus in su rispetu de sas règulas, pro evitare torra in su benidore, un'àteru perìodu de restritziones.

http://www.governo.it/…/comunicato-stampa-del-consigl…/14610

Dae sa nova in limba italiana publicada in su situ istitutzionale de su Comune de Bidoniu si podet iscarrigare custu documentu: Decreto Legge n.33 del 16/05/2020

Pro informatziones:

Ufìtziu/Òrganu: Sìndigu

Referente: Ilaria Sedda

Indiritzu: Carrera Taloro 3

Telèfono: 078369044

Fax: 078369407

Posta eletrònica: sindaco@comune.bidoni.or.it

Posta eletrònica tzertificada: protocollo@pec.comune.bidoni.or.it

Documenti allegati

Documenti allegati
Titolo  Formato Peso
Decreto Legge n.33 del 16/05/2020 Formato pdf 60 kb

A chi rivolgersi

A chi rivolgersi - Referente
Ufficio/Organo: Sindaco
Referente: Ilaria Sedda
Indirizzo: Via Taloro 3
Telefono: 078369044  
Fax: 078369407  
Email: sindaco@comune.bidoni.or.it
Email certificata: protocollo@pec.comune.bidoni.or.it
Scheda ufficio: Vai all'ufficio
torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto